Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il Comitato Pari Opportunità è un istituto contrattuale del vigente CCNL, costituito nell'ottobre 2014.

Si propone di facilitare una effettiva equità lavorativa tra donne e uomini garantendo pari dignità sul posto di lavoro a tutte le categorie di lavoratori, favorendo l'adozione di azioni concrete finalizzate alla realizzazione di pari opportunità. Si pone altresì l'obiettivo di monitorare e verificare i risultati conseguenti dall'adozione delle azioni intraprese nel rispetto di quanto disposto dal d.lgs. 11 aprile 2006, n. 198 avente ad oggetto il "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna".

Tra i Compiti:

  • promuove studi, seminari, convegni, anche in collaborazione con altri Enti, Università, lstituti, Comitati e Organismi costituiti con analoghe finalità, nonché con le 00.SS. di categoria;

 

  • promuove indagini e ricerche dirette all'individuazione dei reali bisogni all'interno di Coni Servizi S.p.A. e delle Federazioni Sportive Nazionali sul tema delle Pari Opportunità e finalizzate alla formulazione di proposte concrete volte a rimuovere gli eventuali ostacoli che potrebbero interferire con l'accesso ad opportunità di formazione, aggiornamento professionale, orario ed organizzazione del lavoro, progressione di carriera, attribuzione di mansioni particolari e/o incarichi di responsabilità, assegnazione alle strutture;

 

  • promuove iniziative volte a dare attuazione a risoluzioni e direttive nazionali ed europee sia in tema di pari opportunità sia in tema di rimozione di comportamenti e atteggiamenti lesivi delle libertà personali, al fine di sviluppare un corretto clima di rapporti interpersonali;

 

  • sensibilizza l'ambiente di lavoro alle tematiche delle pari opportunità, utilizzando gli idonei strumenti informativi e promuovendo, qualora se ne ravvisasse la necessità, gli opportuni incontri con la popolazione aziendale interessata;

 

  • esamina, per quanto di sua competenza, le proposte delle lavoratrici e dei lavoratori, mediante l'organizzazione di appositi incontri e/o riunioni, in occasione delle quali svolge analisi di casistiche presentate da singoli o da gruppi, utili all'incoraggiamento di azioni consistenti;

 

  • esamina per quanto di sua competenza fatti segnalati da dipendenti riguardanti azioni di discriminazione professionale ovvero che manifestino un disagio o un malessere del lavoratore o della lavoratrice;

 

  • promuove iniziative atte a sensibilizzare comportamenti conformi alla tutela delle pari dignità e opportunità.